polistes

Tipi di vespe ed api in Italia

La vespe sono insetti dell’ordine degli imenotteri di cui esistono numerosissime specie: le più diffuse sono le vespe del genere Polistes e del genere Vespula.

polistes
Vespa Polistes
Vespula
Vespa Vespula

Organizzazione degli alveari

Come nelle api, anche nelle vespe c’è una regina a capo di ogni alveare: questa depone le uova ed elimina quelle delle vespe ausiliarie cosicché tutte le vespe che nasceranno saranno direttamente sue discendenti. La prima generazione di vespe sarà formata solamente da femmine con organi riproduttivi atrofizzati (operaie), in seguito, invece, nasceranno femmine fertili e maschi.
Durante l’inverno le femmine fecondate si ripareranno nell’alveare, mentre i maschi e le operaie moriranno.

Ma quali i pericoli per l’uomo?

Nella maggior parte dei casi le punture delle vespe sono molto dolorose ma non pericolose per l’incolumità dell’uomo. In alcune persone “predisposte” però può capitare di avere uno choc anafilattico che può portare a pericolose complicazioni.
Le vespe non hanno un pungiglione uncinato che rimane impigliato nella pelle, quindi possono pungere molte volte.
Fra gli insetti che pungono, infatti, le più temute dall’uomo sono le api.
Le femmine hanno un pungiglione uncinato i cui uncini restano legati alla persona punta: l’unico modo per liberarsi dell’ape è strapparla dal pungiglione, il che significa ucciderla.
E’ per questo che si dice che le api pungono una volta solo e poi muoiono.

Le api si dividono in regina, operaie e fuchi.
La regina, madre di tutto il suo popolo, nasce da un ovo fecondato deposto nella cella reale. Uno dei principali compiti delle api operaie, invece, è la raccolta del polline necessario al sostentamento dell’intero alveare.
Posandosi di fiore in fiore, esse trasferiscono parte del loro carico di polline da una pianta all’altra, favorendo la fecondazione di diverse specie vegetali. Il fuco, infine, è il componente maschile dell’alveare e il suo unico compito è accoppiarsi (dopo l’accoppiamento muore) visto che è privo di pungiglione, non ha cestelli di polline e secerne pappa reale.